Grande domenica di rugby!

Era l’appuntamento che aspettavamo per misurare i nostri progressi con squadre che all’inizio dell’anno non erano ancora alla nostra portata.

E i nostri ragazzi non hanno disatteso l’appuntamento.

Iniziamo dal nostro girone che non era certo di quelli facili: Parabiago, Settimo e il temutissimo Varese.

La prima partita col Parabiago viene superata dai nostri ragazzi con una buona vittoria.

Ma la seconda è la resa dei conti col Varese, vittorioso a Lainate ad inizio stagione.

Questa volta il differenziale tecnico e fisico è stato azzerato, e le due compagine si sono scontrate in un duello estenuate fatto di placcaggi, pressione e fango, tanto fango.

Ma questa volta con grande soddisfazione i nostri caimani impongono il loro gioco in tutte le fasi e portano a casa la vittoria con un 3 a 2 che sbigottisce gli avversari.

La terza partita col Settimo viene poi vinta agevolmente con tanto di bonus, portando i nostri ragazzi primi nel loro girone.

Eccoci in semifinale col Rho. La partita più entusiasmante della giornata. Uno scontro alla pari che ci ha tenuto col fiato sospeso fino al pareggio per 2 a 2 allo scadere dei 12 minuti. Si va ai supplementari con ulteriori 5 minuti senza mete. Niente da fare nessuno vuole perdere. Purtroppo per noi il regolamento del trofeo impone che in caso di pareggio vince la squadra più giovane, i nostri sono più “vecchi” e sono costretti a dover disputare lo spareggio per il terzo e quarto posto.

Il distino vuole che siano ancora i ragazzi del Varese. Un po’ la stanchezza, un po’ sta nelle cose quando si scontrano due squadre forti, ma questa volta i nostri ragazzi cedono al Varese per 2 a 1 piazzandosi ad un quarto posto che sta un po’ stretto.

Ma non abbiamo nulla da recriminarci, abbiamo tutti dato il massimo sempre uniti. Abbiamo dimostrato di essere cresciuti e di essere una delle più forti squadre del panorama lombardo, sempre a giocarci le prime posizioni. Abbiamo dimostrato di essere squadra!

Difficile premiare un giocatore in particolare. Sicuramente Johan, con una meta da calendario, e Pietro sempre immenso in campo, sono ormai colonne portanti del gruppo ed hanno disputato una partita strepitosa … ma oggi premiamo un giocatore, un atleta, che si è sempre distinto lungo tutta la stagione.

Ha segnato anche oggi, ha placcato quando c’era bisogno, ed è stato sempre presente in campo. Come ho già detto il ragazzo ancora non si rende conto delle potenzialità che ha.

E col fango sui vestiti e sugli occhiali, oggi porta a casa Luca l’ambito premio.